Corporeità astratta nei video di Alessandra Ferlini

La mia amica Alessandra Ferlini mi ha sempre colpito nella sua ricerca artistica, in particolare nei suoi video, dove la ricerca della corporeità più fisica e concreta diventa completamente astratta dal video stesso, perché sono le eccitazioni neuronali della propriocezione dello spettatore a dover riempire il vuoto corporeo del video, dove non ci sono corpi altri ripresi, ma bande passanti di immagini e suoni apparentemente casuali, in realtà studiatissime. Insomma, vere opere sperimentali. Provate a guardarvi aaa Aaa a per credere.