Il lupo d’argento. Capitolo primo. 1-3

Hildebrand non attese nemmeno l’alba. Si diresse subito verso la Foresta Nera, il cui limitare distava pochi minuti di cammino dall’accampamento. Se i soldati o anche Bernhard lo avessero visto, lo avrebbero sicuramente dissuaso: nessun essere umano sano di mente si sarebbe mai avventurato di notte nella Foresta Nera. Troppe erano le storie che giravano attorno a quel luogo antico e oscuro: storie di strane creature che rifuggivano l’uomo e che parlavano le lingue dei lupi, dei cinghiali e degli orsi. Solo le battute di caccia con cani ammaestrati e cavalli da guerra permettevano di entrarci con relativa tranquillità, e rigorosamente di giorno. La notte non è per gli uomini, è per le bestie, diceva un detto di quelle parti. Hildebrand lo conosceva bene.

Sebbene la sua carnagione rivelasse che non era nativo di quelle zone – era troppo scura, i capelli ricci, fulvi, erano folti e robusti, mentre tutti i suoi amici erano biondi, i capelli lisci e sottili – non lontano da lì era cresciuto, alla bottega del suo padre adottivo, il balestriere. Il suo vero padre non l’aveva mai conosciuto, sua madre non aveva mai voluto dirgli nulla. Ma Hans per lui era come un padre, le leve e i tiranti erano la sua passione. Che gli aveva passato completamente. Costruiva balestre e argani di ogni dimensione. Grazie a lui, il pozzo poteva pescare molta acqua con una manovella manovrabile da una ragazzina senza muscoli. Certo, se non fosse morto sbranato dai lupi, la sua vita sarebbe stata diversa. Più serena, sicuramente, ma non si sarebbe perfezionato nell’arte di suo padre, che aborriva la guerra, e mai gli avrebbe permesso di fare esperimenti per migliorare le balestre. Ai villani non era concesso costruire armi, e Hildebrand aveva rischiato grosso. Tuttavia la sua abilità era giunta alle orecchie della corte del duca, e Bernardus, giunto nel villaggio per punire sonoramente l’insubordinazione del giovane balestriere, era rimasto ammirato dalle armi costruite dal ragazzo e stupito dalla sua tenacia e forza interiore. Una forza che andava sfruttata per la guerra imminente con i tartari, così gli aveva detto.

Hildebrand tirò fuori la seconda torcia dal suo zaino e l’accese. Era arrivato al limitare della Foresta Nera.

Continua…

Licenza Creative Commons
Il lupo d’argento by Federico Gobbo is licensed under a Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 3.0 Unported License.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://federicogobbo.name.

Il lupo d’argento. Capitolo primo. 1-2

‘Guardatelo, il bamboccio che voleva giocare alla guerra!’ urlò un soldataccio dalla barba rossiccia e unta di grasso e vino. I suoi compari, riuniti attorno al fuoco a giocare a dadi, scoppiarono in una risata fragorosa tutti insieme. Hildebrand lo fulminò con lo sguardo. Il rosso smise di ridere, e con lui tutti gli altri.
‘Chi ti credi di essere? Ti ridurrò a carne per i cani!’ Si era alzato, un po’ barcollante, e aveva messo mano all’elsa della spada.
‘Davvero?’ disse Hildebrand, la voce ferma, glaciale. Caricò la balestra con un rumore secco.
‘Devi solo provarci,’ lo sfidò. Ma prima che quello potesse muoversi, sparò il suo dardo veloce e micidiale. L’uomo spalancò gli occhi per il terrore. Era a circa sei passi da Hildebrand, e non poteva certo raggiungerlo con la spada. Ma il dardo non era diretto a lui, si rese conto d’un tratto. Si era conficcato esattamente nel dado che aveva appena lanciato.

‘Non giocare troppo con la tua vita,’ gli disse. ‘Potresti perderla, così come perdi al gioco.’ Il suo sorriso era un ghigno. Uno dei compagni intervenne. ‘Il ragazzo ha ragione… ti ha fatto un favore, adesso non possiamo più spennarti come un pollo!’ La sgangherata compagnia del rosso scoppiò in un’altra risata fragorosa. Ma il rosso non sembrava intenzionato a mollare, adesso più che mai, e continuava ad avvicinarsi, lo sguardo annebbiato e violento insieme. Hildebrand continuava a camminare, e stava calcolando se buttarsi dietro la tenda, in caso di un assalto, o fintare e rotolare dietro il fuoco e il gruppo di soldati.

‘Finitela!’ Era stato Bernardus a parlare. ‘Portategli rispetto. È stato ammesso al cospetto del nostro signore, che gli ha concesso una promessa.’ Parlava a voce alta, così che tutti potessero sentirlo bene.

‘Avremo bisogno di tutte le nostre forze quando il nemico sarà alle porte dell’accampamento. Non voglio perdere nessun guerriero nostro alleato, che faccia parte dell’ accampamento oppure no.’ Un brusio di stupore serpeggiò tra i soldati del duca. Così giovane? Una promessa del duca? Qual era il segreto di quel ragazzo? Cosa aveva lui che loro non avevano?

Hildebrand ringraziò Bernardus con un cenno, e questi ricambiò impercettibilmente, lo sguardo grave, con un velo di tristezza. Era evidente che non era affatto d’accordo con le decisioni prese dal duca. Ma non avrebbe mai osato contraddirlo. La fedeltà per lui era un punto d’onore. Anche per Hildebrand, aveva ragione di crederlo.

Gli avrebbe dimostrato il suo valore, in un modo o nell’altro. Così sperava Bernhard. Ma Hildebrand aveva già preso la sua decisione. Sarebbe entrato nella Foresta Nera, e avrebbe affrontato i suoi abitanti, alla ricerca del loro re. Così pensava mentre usciva dall’accampamento, accompagnato dal silenzio dei soldati, che non si azzardavano più a prenderlo in giro per la sua giovane età.

Continua…

Licenza Creative Commons
Il lupo d’argento by Federico Gobbo is licensed under a Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 3.0 Unported License.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://federicogobbo.name.

Il lupo d’argento. Capitolo primo. 1-1

Il lupo d’argento. Capitolo primo. La Foresta Nera

‘Sei troppo giovane!’ Il duca Henricus aveva l’aria stanca. Faceva freddo, nella tenda, nonostante fosse la più grande dell’ intero accampamento. L’inverno era alle porte, e i soldati di Henricus erano stanchi e sfiduciati. Il duca ne era dolorosamente cosciente. Il tavolo davanti alla sedia del duca – non era un trono, solo una sedia alquanto rozza – era ingombro di carte militari, piene di segni e cancellature evidenti.

Normalmente non mi avrebbero nemmeno fatto entrare nella tenda regale, pensò il ragazzo in piedi, rigido, in attesa dell’udienza. Ma ora la situazione è critica, e non c’è più tempo da perdere. Io posso fermarli. Io lo so, si disse con convinzione. Mio padre mi ha insegnato come costruire balestre di ogni dimensione, se solo il duca mi lasciasse una possibilità… Doterei questo esercito di armi che non li farebbero nemmeno avvicinare, questi misteriosi cavalieri tartari!

I tartari erano alle porte della Baviera, lo sapevano tutti, nell’accampamento come nei villaggi, e nulla sembrava fermarli. Heinrich si faceva chiamare alla latina Henricus, per accattivarsi il favore della Chiesa di Roma, che era alla ricerca del nuovo Carlo Magno da oltre un secolo, e diventare finalmente legittimo re. Dalla Baviera al Sacro Romano Impero… Fermò le fantasticherie con uno sforzo di volontà.

Come farò a fermarli? si disse, il volto reso scuro dalla preoccupazione. I miei informatori hanno detto che perfino l’erba smette di crescere al loro passaggio. Quando sono riusciti a tornare a riferirmelo. Rabbrividì. Sono dèmoni, non esseri umani!

‘Sei troppo giovane,’ ripeté stancamente il duca, rivolto a nessuno in particolare, mentre si passava una mano sulla fronte, il gesto stanco, meccanico.

‘I miei armigeri non ti darebbero mai retta, hai solo diciannove anni.’ Il ragazzo sentì la rabbia salirgli alla gola, ma quando stava per aprire bocca, una mano ferma sul suo braccio lo trattenne.

‘Mio signore.’ Era stato Bernhard a fermarlo. Era uno dei luogotenenti del duca, il più fidato. Il duca lo chiamava sempre ‘Bernardus’, nel suo rozzo latino, perché era cattolico, e diceva che tutti dovevano abituarsi alla lingua della civiltà e dello splendore, perduti da secoli ma mai dimenticati.

‘E’ vero, questo ragazzo è giovane,’ acconsentì l’uomo, con voce conciliante, ‘ma è anche vero che è il miglior balestriere che io abbia mai conosciuto. E il mio signore sa quanti ne ho visti.’ Un guizzo nello sguardo di Henricus confermò che l’argomentazione di Bernardus era giunta a segno.

‘La sua balestra spara dardi più lontano di qualsiasi altra,’ aggiunse. Prese fiato. Adesso veniva la parte più difficile. ‘E di qualsiasi arco in nostro possesso. Il raga… Heinrich, chiede solo di essere ammesso nelle vostre fila. Lui è disposto a insegnare la sua arte ai nostri armigeri, così da potenziare l’esercito del mio signore…’

‘Basta!’ urlò Henricus, il volto paonazzo. I cani sotto il tavolo grugnirono, innervositi dallo sfogo improvviso. Solo le due guardie del corpo in piedi ai lati del tavolo erano rimaste immobili, abituate a quegli scatti d’umore. Persino Bernardus ne era stupito. Era compagno d’arme di Henricus da quando entrambi avevano l’età di Hildebrand, ma al momento il duca non sembrava dar peso a questo.

‘Io lo so cosa vuole questo ragazzo,’ continuò Henricus, che nel frattempo si era calmato. ‘Una terra per sé. Un titolo. Una garanzia per la sua discendenza. Credi che non l’abbia capito, Bernhard?’ Aveva dimenticato il nome latino. Cattivo segno, aveva perso il controllo. Ma quello che diceva rispondeva al vero. Il fatto è che tutti gli uomini assoldati da Henricus volevano la stessa cosa: una terra dove piantare radici. Per questo il suo esercito era diventato d’improvviso pieno di reclute. Ma nessuno aveva fatto una proposta simile a quella di Hildebrand. L’arroganza della gioventù, pensò il duca.

‘Il nemico è alle porte. Non avremmo tempo di costruire i dardi per le balestre che ci sta proponendo, figuriamoci istruire gli armigeri. Bernardus, dobbiamo essere realistici.’ Parlava come se Hildebrand non fosse lì. Aveva ripreso perfettamente il controllo.
‘L’unica cosa che sappiamo è che i tartari compiono razzie sempre col favore delle tenebre. Sembra che preferiscano muoversi quando la notte non è rischiarata nemmeno dalla luce della luna. Ora siamo quasi al plenilunio. Ciò significa che abbiamo almeno due settimane prima del loro attacco, aspetteranno che la luna sia all’ultimo quarto. Molte vite sono state spese per questa informazione.’ Fece una pausa.

‘La nostra posizione è buona, saremo più in alto di loro, e la Foresta Nera ci proteggerà su due lati, mentre la montagna ci proteggerà le spalle. Per calare verso le Alpi dovranno passare di qui. Se noi li fermiamo, il Papa mi incoronerà re. La questione è molto semplice.’ Il suo sguardo tornò tagliente, da stratega militare, più che da politico. ‘E qui troveranno il mio esercito ad attenderli’. Finalmente rivolse lo sguardo verso Hildebrand.

‘A quante battaglie hai partecipato, ragazzo?’ Hildebrand aprì la bocca per rispondere, gli occhi scuri del combattente di razza che lo scrutavano. Non poteva mentire. Ma non voleva ammettere che non era mai stato in battaglia in vita sua. Ma quanto si era allenato alla tecnica della doppia spada con Markus, il figlio del mastro ferraio, in attesa del suo momento! Il sorriso di Henricus era una smorfia amara.

‘Hai sentito, Bernardus?’ Il ragazzo non aveva aperto bocca. ‘E’ un novellino. E i tartari sono troppo duri per uno come lui. Lo massacrerebbero in pochi istanti. Non dobbiamo farci illusioni: non eviteremo il corpo a corpo, balestre o non balestre. So a cosa stai pensando, amico mio.’

Bernardus strinse le mascelle. Sapevano entrambi che i loro uomini non potevano farcela a sconfiggere i tartari. Avevano troppi pochi cavalli, e le armature troppo leggere. Quei tartari non erano protetti dal cuoio, ma dall’acciaio. Ed erano tutti cavalieri, niente fanteria. Henricus guardò fisso Bernardus. ‘L’unica nostra speranza è il popolo della Foresta Nera.’

‘Mio signore e padrone!’ esclamò il luogotenente, allarmato. ‘Il popolo della Foresta Nera non è umano, come facciamo a fidarci di quei…’

Un cenno imperioso di Henricus azzittì il suo luogotenente di colpo. Hildebrand aveva sgranato gli occhi all’udire quella informazione, che di certo era riservata solamente ai più fidi collaboratori.

‘Accompagnalo fuori dalla mia tenda. Ragazzo, – gli occhi neri nuovamente su Hildebrand – lo faccio per il tuo bene. Quando avrai dimostrato il tuo valore in battaglia sarai diventato un uomo, e io ti darò il compenso che meriti. È una promessa, e tutti sanno che un re mantiene sempre le promesse, altrimenti non è degno di essere re.’

Lo sguardo di Henricus si addolcì. Quel ragazzo in realtà gli piaceva, poteva essere il figlio che nessuna donna era riuscita a dargli… e diventare sua moglie. Ma non era quello il momento di farsi prendere da facili e inutili sentimentalismi.

Henricus tornò al consueto sguardo severo e giudice. Scostò malamente le carte confuse sulla tavola. Liberò una coscia di cinghiale, ne strappò un lembo con i denti, e gettò il resto ai suoi cani, in attesa sotto il tavolo. I cani cominciarono a contendersi il boccone succulento.

Mentre Hildebrand usciva scortato da Bernardus, il cuore gonfio di rabbia e amarezza, gli sembrò che perfino i cani lo guardassero torvi.

Continua…

Licenza Creative Commons
Il lupo d’argento by Federico Gobbo is licensed under a Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 3.0 Unported License.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://federicogobbo.name.