Unione Europea: bisogna disperare? Nessun futuro?

frascati2013Ieri sono stato invitato dal Gruppo Esperantista Tuscolano a un convegno alle Scuderie Aldobrandini di Frascati con Franco Cardini ospite d’onore e io co-invitato — non solo il manifesto ha messo il mio nome più in piccolo, ma anche sono stato presentato da Enrico Del Vescovo, l’organizzatore, come “giovane ricercatore” (alla faccia del giovane, dopo 10 anni di carriera e sulla soglia dei quaranta). A completare il tutto, Cardini è arrivato in ritardo, ha dichiarato di parlare per 40 minuti e ha parlato per un’ora, io mi sono attenuto ai 20 minuti che mi erano stati assegnati.

Premesso tutto ciò, mi ha alquanto stupito la posizione di Cardini, secondo il quale l’Unione Europea è il fallimento dell’idea di Europa, e che va buttata giù per rifarla da capo, su altri fondamenti — probabilmente cristiani, si poteva evincere nel non detto. Stiamo parlando di un noto storico del Medioevo, con una lunga carriera accademica: quanta disperazione!

Be’, non sono d’accordo. L’Unione Europea l’abbiamo fatta tutti quanti a piccoli passi. Potrebbe collassare, ma francamente non è il mio auspicio. Inoltre, non è né negli interessi degli europei né in quelli degli americani, che hanno dettato i limiti dell’agenda europea fin dalla sua fondazione postbellica.

Spero proprio che tra trent’anni, quando avrò l’età di Cardini oggi, non sarò diventato così nichilista.

English-only Italian Universities? No, grazie.

English Only

From some days there is a political debate about language policy in Italian Universities, following the decision by a court to (re-)assert Italian as the national language of Italy and henceforth not to permit English-only courses, which would be a discrimination of Italian University students — mainly graduate and PhD — as Politecnico di Milano pretended — some other local Universities, such as Udine’s, are trying to do the adopt the same English-only policy. Nota bene: qui c’è il testo della sentenza del TAR sul sito ufficiale per chi volesse farsi un’idea. [Rough translation: link to the original Italian text with the motivations, for people interested.]

First, this is good news per se, that such a topic is finally debated in my country, as in the last 20 years Italy was mentioned in the international public opinion almost only for the marvellous adventures of Mr Bunga Bunga. At least, this is a topic worth a public debate!

To have a comparison, in the same days the French left-winged newspaper Libération opened its first page in English on order to welcome the new law that let some courses to be taught in English in French Universities, because foreign students in French are only 12 per cent.

Please note the difference: in France they are debate to have some University classes in English, while in Italy we debate to have English-only Universities.

In Italian University courses, Italian-English bilingualism is the de facto standard in many hard science curricula. This is easy to explain, as professors and researchers live in a situation of academic diglossia: we teach in Italian but publish in English. That’s why many presentations, slides, textbooks and so forth are available only in English, for a lot of disciplines. Nevertheless, there are a lot of disciplines which are deeply linked to the language used to give lectures. For example, do you think that learning the history of Europe in English or Italian would be the same? Of course not! And please, stop repeating the mantra: “this is valid only for the humanities”, because mathematics, logics, chemistry, natural sciences have a amount of literature also in French and German — at least.

Bur there is another argument against an English-only policy in Universities. it is completely unfair for Italians to force classes with only Italians in to be taught in English, as suggested by the Politecnico’s proposal. And rather stupid: in the global market of English-speaking Universities, an Italian English-only one would be marginal: if I were a foreign student who wants to go to an English-speaking University, I would definitely not choose Italy as my first choice, but the UK and Ireland (first choice), or a University in the North countries (second choice). Again, not surprisingly: in the North countries they speak English better than in the South countries — after all, English is a German language, such as German, Dutch, Swedish, and so on, so that they put less effort to learn English than people speaking a Romance language such as French, Spanish, Portuguese, or Italian.

That said, I’m not living in the Moon. I am perfectly aware that in the present-day European Union, only a good command of English let people, researchers, professors and students move abroad more or less easily. But this does not imply that we should use only English in Universities! Multilingualism is the European strength: for example, foreign students at the University of L’Aquila follow international degree courses in English and take classes of the Italian language at the same time. Joint degrees between Universities from different countries is a good way to have multilingual curricula — I’m not saying necessarily in English, take care! Some friends told me that Italy and France have international degrees where the thesis is written in French, with summaries in Italian, and discussed twice so to be valid in Italy and in France either. I think is a good strategy.

We should consider a bilingual curricula as a plus, comparing to English-only countries, which are often prisoned behind their monolingualism. A great book by Robert Phillipson told us about the risks of an English-only EU (suggested reading).

And, in case of any doubt, I think we have other options than English for the role of vehicular language in the European Union, as I already publicly said in 2005 in a journal paper. Please download and enjoy.

Concept Reengineering Needed For Our Hyperconnected Era

IMG_3032 Recently the European Commission has launched the Online Initiative, officially presented the 8th of February in Brussels. I was there, and I want to share same ideas that swarmed around during the lively discussions we had.

It was Robert Madelin, the Director-General for Communications Networks, Content and Technology, who opened the session and revealed a marvellous chair during the whole day: he briefly added a note to the panelists, so to encourage us, the participants, to give our thoughts. The presentation of the Onlife Manifesto was done by Luciano Floridi, who took a little walk on the (wild?) side of the Manifesto, which is a result of a collective work of 13 scholars devoted to Computing & Philosohpy (download it here to have a glance).

IMG_3029The essential metaphor was the estuary, where a river meets the sea: there, we cannot be sure if water is salty or still trinkable: the real world is the sea, while the virtual world is the river. We live more and more in an interactive environment, where the traditional distinctions (e.g., real/virtual, human/machine/nature) do not stand anymore. Take for example 3D printing, or the global videogame market, which is a reification of the virtual. The new imperative is the centrality of interaction: for the Millennials, to be is to be interactable, and if you don’t interact with me, you don’t exist. In sum, the Manifesto is a constructive contribution to rethink us in a hyperconnected world, towards a new InfoEthics. For more information, see Floridi’s slides.

Then, Jean-Gabriel Ganascia gave us highlights on what does hyperconnectivity mean. The hyper- prefix is taken from physics (think about ‘hyperconductivity’), and it is very productive, because it is concerned with hyper-diffusibility (e.g., e-books), hyper-memorisability (e.g., clouding), or even hyper-history, recently introduced by Floridi himselfe, causing a political apoptosis. We are in a phase of transition, and henceforth forced to rethink concepts like policy, politics, democracy and so on.

This passage lead us the the problem of distributed responsibility: we have Multi-Agent Systems, drones, software, robots, and so no, which work in the same environment with humans (remember the estuary!) and pose new challenges. These were the topics addressed by Judith Simon, who argues that the state’s monopoly of power and legitimate violence are now inadequate, and we need knowledge practices for an epistemic dimension of reasoning that takes the ethic values from the start, not appended at the end. So we re-design governance through ICT tools. After her talk, Robert Madelin raised a key question: how can we avoid paternalism?

IMG_3035 Then, it was the turn of the anthropologist: Stefana Broadbent introduced the notion of gray ecology, which is a measure of the pollution brought by digital technologies. In other words, hwo can we reach “clean technologies”, for our mind? Put in other words: how a hyperconnected, relational self, can protect oneself? She gave us as an example the Millennials’ practice of Facebook time: me and my peers know that I will be online in Facebook only one hour, more precisely 12:00-13:00 (lunch time, more or less). Why? Because attention is a scarse resource, and we need to put in charge attention economy strategies.

Peter-Paul Verbeek addressed the blurring of the traditional dichotomy public/private: on one side, we have to reconfigure privacy; on the other side, we have to reconfigure citizenship. The question is: what kind of democracy we will have in an onlife world?

I hope that you enjoyed this post. Now, you can participate directly. First, take a look to the user manual of the Onlife Initiative; then, co-create the vision of Europe 2050, signing up in Futurium.

And don’t forget to follow the official Twitter hashtag #onlifeeu for last news.

Grave discriminazione linguistica nella ricerca: editori italiani valgono un terzo di quelli esteri

Ricevo e pubblico volentieri quanto segue. Dal mio punto di vista di ricercatore (per quanto precario, sempre di ricercatore si tratta!) il problema principale è nell’automatismo dei criteri di valutazione. Non si può valutare allo stesso modo una ricerca in medicina e una in storia dell’arte. Ci sono ambiti di ricerca legati al territorio, come filologia germanica, che è legata alle lingue germaniche, e matematiche, che non lo è per definizione. Detto questo, l’esterofilia stupida e la quantificazione selvaggia dei parametri va evidentemente a scapito della qualità. Perché i criteri sono grossolani, molto semplicemente. La cosa che stupisce dietro queste decisioni è proprio la stupidità: a questo punto preferisco un esplicito protezionismo alla francese, magari esagerato, ma perlomeno non stupido. Il MIUR dovrebbe cercare di far pesare di più la ricerca italiana, non renderla sempre più difficile. Questa dell’Anvur è solo una tessera di questo spaventoso e coordinato, ahimè, mosaico.

I CRITERI PROPOSTI DALLA AGENZIA NAZIONALE DI VALUTAZIONE DEL SITEMA UNIVERSITARIO E DELLA RICERCA SFAVORISCONO CHI PUBBLICA IN ITALIANO

L’Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca (ANVUR) sta portando avanti una politica di sistematico disincentivo ad utilizzare la lingua italiana nelle pubblicazioni scientifiche. Il 22 giugno scorso, l’ANVUR ha pubblicato una lista di criteri e parametri di valutazione dei candidati e dei commissari dell’abilitazione scientifica nazionale che generano una intollerabile discriminazione linguistica ai danni dei ricercatori che vogliono pubblicare in italiano.

Secondo questi criteri, una monografia pubblicata presso un editore internazionale ha peso 3 punti, mentre la stessa monografia pubblicata presso un editore italiano ha peso 1. Insomma, a prescindere dal contenuto, l’ANVUR decide che un saggio pubblicato in italiano presso un buon editore come Il Mulino o Carocci vale tre volte meno di un libro pubblicato per un editore spagnolo con diffusione in Sud America o di un saggio in inglese pubblicato da un mediocre editore olandese.

Questo introduce nel sistema un’ingiusta discriminazione linguistica contro i ricercatori che vogliono pubblicare in italiano e un grave attacco alla diversità linguistica. Perché un ricercatore tedesco che lavora in una università Italiana e pubblica saggi presso un editore di lingua tedesca deve essere valutato tre volte di più di un ricercatore che pubblica in italiano? L’ANVUR ha deciso che gli editori italiani sono tutti mediocri e non sono e non potranno mai essere internazionali. C’è da chiedersi quale sarà il futuro dell’editoria italiana, visto che è legittimo aspettarsi che nessun ricercatore italiano vorrà più pubblicare nella lingua nazionale nel prossimo futuro.

Michele Menciassi
Segretario Associazione Nitobe
per la giustizia e democrazia linguistica

In bocca al werewolf

Oggi ricevo una lettera dal gruppo di lavoro attorno al fondatore della Tecnica del Pomodoro, che molti di voi hanno visto e usato con me.

Il Team si trasferisce a Berlino
Siamo arrivati all’ultima FCcomLetter in italiano.

Da inizio ottobre saremo operativi a Berlino. Il progetto “trasferimento a Berlino” è già iniziato e procede a ritmo di pomodori.

Il team si impegnerà da subito a sviluppare a livello europeo le nostre attività. Nel 2012 svilupperemo in tutta Europa la Anti-IF School – a breve saranno pronte le date del Tour Anti-IF e stiamo già pensando al programma di Anti-IF Lecture -, i nuovi programmi formativi e di incontro della Pomodoro Technique, attraverso il Software Production Institute cercheremo di coinvolgere studenti di tutta Europa in attività formative e di ricerca.

[…]

Continueremo a dare aggiornamenti sulle nostre attività attraverso la FCcomLetter in inglese. Abbiamo deciso di puntare su questa edizione perché vogliamo entrare in pieno nello spirito europeo e la lingua inglese ci dà la possibilità di comunicare in modo uguale con ogni paese dell’Unione; e perché vogliamo essere più reattivi e far contribuire persone di diverse nazionalità alla sua redazione.

Fateci un grosso “in bocca al lupo!” Ne abbiamo bisogno 🙂

–Francesco

Io ho grande stima di Francesco e gli faccio un in bocca al lupo di tutto cuore. Anzi, un in bocca al werewolf, con Pomodoro Technique, Anti-IF Instute, Software Production School e tutta l’allegra banda.

È evidente la scelta strategica dell’inglese per la newsletter. Ma non raccontiamoci palle sullo “spirito europeo” e l’inglese che “ci dà la possibilità di comunicare in maniera eguale” in Europa. L’inglese non rende gli europei uguali. Li rende di serie A (madrelingua), serie B (popoli del nord, con lingue sorelle), e di serie C (noi).

La realtà è molto diversa. Primo: l’informatica è nata parlando inglese con Alan Turing e John von Neumann, ed essendo i progetti di Francesco rivolti a informatici colti (in tutti i sensi) presuppongono l’inglese.

Benissimo.

Ma gli europei non sono tutti uguali. Prova a discutere con un inglese madrelingua e te ne accorgerai.

No, Francesco.

La via giusta, veramente europea, è una newsletter multilingue: inglese sì, italiano sì, tedesco sì, e avanti così a seconda delle comunità anti-IF che si formeranno.

In fondo ti trasferisci a Berlino, mica a Londra.

O no?

Perugia-Assisi, l’Associazione radicale «Esperanto» aderisce alla Marcia della Pace

Riceviamo e volentieri pubblichiamo:

Pagano (Radicali/ERA): «Bisogna passare dalle parole ‘pace’ e ‘nonviolenza’ alla lingua della pace e della nonviolenza»

Alla Marcia della Pace Perugia-Assisi, su invito del Movimento Non Violento, aderirà anche l’Associazione radicale «Esperanto», che ha proposto i moduli «Lavoro euromediterraneo – democrazia linguistica transnazionale» e «Esperanto lingua nonviolenta di pace: perché, com’è, come funziona» al seminario nazionale di preparazione che si è tenuto a Perugia l’1-2 luglio.

«Le potenze anglofone si stanno prendendo tutto il profit: non possiamo regalargli anche il non profit», ha dichiarato il Segretario dell’Associazione radicale «Esperanto». «Bisogna passare dalle parole ‘pace’ e ‘nonviolenza’ alla lingua della pace e della nonviolenza, prendendoci la responsabilità di rilanciare in questo 50enario della Marcia un forte ruolo innovativo e alternativo della nonviolenza nella comunicazione. In questo l’Esperanto, lingua internazionale di tutti e ciascuno, è l’incarnazione linguistica dell‘omnicrazia teorizzata da Capitini».

«Io personalmente sono d’ accordo sul fatto che il tema della lingua sia uno dei nodi culturali, oltre che politico-economici, che dobbiamo affrontare», ha spiegato Flavio Lotti alla trasmissione curata dall’Associazione radicale «Esperanto» su Radio Radicale,
«Democrazia Linguistica.it». «Peraltro io dico anche che questa è una questione che accomuna il nord e il sud delle due sponde del Mediterraneo perché l’altra metà della popolazione del Mediterraneo, che è una popolazione araba, rivendica l’uso della lingua araba».

Ben poco futuro per la RAI con Democratica

Ieri sono stato all’incontro di Democratica, la scuola politica di democrazia del Partito Democratico, per parlare del futuro della RAI. Non è stata una grandissima delusione solo perché non avevo grandi aspettative. Tanto per cominciare, non sono riuscito a parlare, e con me la maggior parte degli invitati. I grandi nomi hanno occupato tutti gli spazi, e i lavoratori RAI di Milano in trincea non hanno avuto spazi adeguati di intervento.

Ma qualcosa di interessante ho imparato. Lo sapevate che il canone RAI genera circa 1.600 milioni di euro l’anno contro i meno di 300 milioni di pubblicità? La relazione di Sergio Cusani per la CGIL ha mostrato che i bilanci dal 2005 al 2009 mostrano un’azienda in stato di crisi, che invece di ammodernare la produzione ancora in analogico a Milano, fanno chiudere i centri di ricerca — che tra l’altro hanno contribuito a definire lo standard MPEG negli anni d’oro — e spendono la maggior parte in prodotti e format in licenza ad uso limitato, non accrescendo il tesoro della RAI, vale a dire la sua teca storica, che non viene valorizzata. Cusani ha parlato di un profilo aziendale di un’agenzia di brokeraggio, invece che di una rete televisiva.

A fronte di questo, invece di parlare di servizio pubblico, si è parlato di azienda. L’UE dice che è la televisione di stato con maggiori introiti pubblicitari d’Europa, ma il problema continua ad essere il fare la concorrenza con Mediaset. La fascia d’età in cui la RAI va forte è gli ultrasessantacinquenni, nella fascia 45-55 va alla pari con Mediaset, sotto il differenziale è del 20% circa. Così riporta Gentiloni. Ma nessuno va a vedere che l’audience assoluta è in calo dappertutto, perché questa televisione, tutta, è vecchia e polverosa. Si guarda al passato, si raccontano aneddoti, ma non si costruisce il futuro.

La disaffezione al canone vorrebbe essere risolta nascondendo la gabella nella tassazione ordinaria, invece di chiedersi cosa si dà in cambio ai contribuenti, o almeno i telespettatori, che rimangono completamente fuori dai discorsi.

Perché non dare potere a chi paga il canone di finanziare questo o quell’altro programma con delle class action interne? No, tutti d’accordo che la politica (leggi: i partiti) deve decidere i palinsesti. Gad Lerner ha raccontato come è uscito dalla RAI 11 anni fa, quando il politico di turno si è lamentato che il suo comizio alla Festa dell’Unità è stato passato al Tg1 come la seconda notizia anziché la prima.

Ma chi deve decidere? Il direttore del Tg1 o il politico?

Si parla poco di La7, non si parla di SKY, solo il giornalista del Corriere, Massimo Muchetti, ha citato le parole “web” e “google”. Gli altri parlano di internet così, nel vago. Le opportunità delle (non più) nuove tecnologie rimangono fuori dal dibattito.

L’unica cosa chiara è che “l’azienda deve dimagrire perché ha un perimetro troppo largo” (Gentiloni). I lavoratori RAI presenti cominciavano a tremare. Peccato che al momento di discutere davvero erano andati via quasi tutti (eccezione: Vincenzo Vita).

E questa sarebbe una scuola di democrazia?

Riflessioni a caldo sui concorsi da ricercatore

Oggi ho fatto il mio concorso numero 3 da ricercatore a tempo indeterminato (RTI). I numeri 1 e 2 sono andati male, nel senso che non mi hanno preso. Per coincidenza, in questi giorni un mio studente mi ha chiesto una lettera di referenza per il dottorato di ricerca all’Università di Manchester, così ho vissuto una doppia vita, di giudicato (ai miei concorsi) e di co-giuricante (referee, al “concorso” del mio studente).

Non voglio fare un discorso personale: sul mio blog non parlo di me per me stesso, parlo per tutti. Il problema è che il meccanismo dei concorsi italiani è sbagliato da un punto di vista sistemico. In questo post ve lo dimostro.

La mia esperienza nel campo di concorsi e application all’estero ad oggi è: 20 iscrizioni a concorsi da RTI tra fine 2010 e inizio 2011, 3 concorsi svolti con l’orale, 3 application negli Stati Uniti, 1 application in Gran Bretagna. Settori disciplinari: informatica, linguistica, scienze cognitive, variamente declinati.

Perché 20 concorsi da RTI? Perché nel momento in cui il decreto Gelmini è diventato legge gli Atenei italiani in fretta e furia si sono buttati a pubblicare gli ultimi concorsi possibili con le vecchie regole, per gli RTI. Sulla fregatura dei concorsi da RTD (ricercatori a tempo determinato) magari ne parlerò un’altra volta. Va da sé che si tratta di un prolungamento del precariato, per 3-6 anni.

Il limite di legge per il numero di concorsi a cui ci si può iscrivere per gli RTI in un anno solare è 15, da cui il numero 20, perché alcuni afferiscono al 2010, altri al 2011. Ciò significa che io e mia moglie abbiamo passato le vacanze di Natale a compilare allegati B e C di autocertificazione delle fotocopie in conformità all’originale. Io ho fatto più di 800 firme, tutte rigorosamente a mano, e ho pinzato ogni titolo, documento e pubblicazione.

A quel punto devi spedire in posta raccomandata uno o più pacchi, con una busta dentro l’altra, o separatamente, allo stesso ufficio oppure a due diversi, con una copia a ogni commissario o meno, nel mio caso 2,8kg di pubblicazioni e altro. Ognuno fa a sé, e bisogna leggere attentamente il bando. In un caso la ricevuta di ritorno l’ho ricevuta dopo la decorrenza dei termini di legge, per cui risulto che non ho spedito in tempo le pubblicazioni.

Teoricamente potrei fare ricorso al TAR, ma in pratica non ha alcun senso, perché il risultato non lo cambi, e ti inimichi l’intera comunità accademica dei tuoi colleghi presenti e futuri. In realtà questi trucchetti da baraccone vengono messi in atto perché il sistema è sbagliato, come dicevo.

Fate questo esperimento mentale. Siete il capo delle Risorse Umane di Google Italia, e mettete un annuncio per un posto da informatico a tempo indeterminato. Badate bene, non potete scrivere se volete un sistemista Unix, un programmatore Java o un esperto di computer grafica: potete solo dire genericamente informatico. Si presenta una marea di gente. Chi decide? Voi, assieme al capo delle Risorse Umane di Microsoft e IBM Italia. Perché se devo andare a lavorare nel posto X devono decidere due persone che sono nei posti Y e Z?

Assurdo un colloquio di lavoro così, non è vero?

Questo è precisamente quello che succede nei concorsi, con l’unica differenza che la responsabilità non è di nessuno, perché si tratta di un concorso pubblico. Non c’è possibilità di chiamata nominale: io professore ordinario decido che voglio il dott. Rossi anziché il dott. Bianchi. Se il dott. Rossi è bravo o meno, ci va di mezzo la mia reputazione di ordinario perché sono responsabile.

No, questo in Italia non è possibile.

Cosa succede allora, in pratica? La prima cosa che i commissari esterni fanno è di chiedere all’interno: vi interessa qualcuno? Questo non è sbagliato in linea di principio: in fondo, per i commissari esterni, si tratta di scegliere qualcuno che non lavorerà da loro ma da qualcun altro.

Si danno quindi tre casi:

1) Il commissario interno indica un solo candidato interno benvoluto dal Dipartimento. A questo punto, salvo casi eccezionali, si fa in modo che tale candidato vinca. Qui i miei amici più maligni mi citano l’algoritmo del cognome: inserisci su Google “[cognome candidato] [nome Ateneo]” e vedi se ci sono parenti diretti immanicati. Ma nella maggior parte dei casi è la scelta più naturale: un tuo studente bravo fa un dottorato, magari un assegno di ricerca, dà una mano nella didattica, è bravo, l’hai fatto crescere, perché non prenderlo come ricercatore, dopo magari 4-5 anni di precariato? Non si può chiamarlo, devi fare il circo del concorso.

2) Il commissario interno indica un solo candidato interno benvoluto dal Dipartimento ma il candidato interno vince da un’altra parte e ti lascia con un palmo di naso. A quel punto i giochi sono riaperti, e si guarda i curricula, e il colloquio.

3) Il commissario interno indica troppi candidati interni perché il Dipartimento è litigioso ed è diviso in fazioni agguerrite dove nessuna è dominante. Anche in questo caso i giochi sono riaperti, e si guarda i curricula, e il colloquio.

Nella mia esperienza di colloqui ti giochi tutto in 10-15 minuti massimo. A volte puoi parlare solo dei tuoi titoli (il tuo dottorato, le tue certificazioni), a volte puoi parlare di titoli e pubblicazioni, a volte ti chiedono esplicitamente come pensi di inserirti nel gruppo di ricerca del Dipartimento dove andresti, se dovessi vincere. Quest’ultima è la versione più onesta, ma non prevista esplicitamente dai regolamente. Insomma, ci vuole una commissione fatta di ordinari sportivi, il che non accade sempre. A me è accaduto una sola volta su tre.

I tempi di pubblicazione dei verbali sono nel mio caso circa 2 mesi. Nel frattempo tu vivi in un limbo nient’affatto piacevole.

Suona male, vero?

Adesso vi dico come funziona in UK & US.

Primo: chiedono specificamente il curriculum, non un informatico o un linguista generico. Se vogliono un esperto di algoritmi, un esperto di database nemmeno ci prova. Nessuno perde tempo inutilmente.

Secondo: si tratta di una application, non di un concorso. Compili uno o due moduli, spedisci il tuo CV via email in PDF, e loro ti mandano una mail con scritto “ricevuto tutto”. Stessa cosa per documenti, attestati, titoli, pubblicazioni. Nessuno spreco di carta e denaro: provate a stampare 2,8kg di carta che avete prodotto negli anni e vedrete quanto vi costa.

I tempi dei risultati? A volte vi danno una risposta esplicita per mail, altre volte deve passare una certa data, oltre la quale significa che non vi hanno preso. Semplice. Chiaro. Se piacete, vi chiamano per un colloquio faccia a faccia. Insomma, avrete un appuntamento con la persona responsabile di voi, con cui lavorerete.

Nelle application che ho fatto, a volte ho dovuto dichiarare il mio gruppo etnico (cosa francamente poco piacevole), ma quasi sempre ho dovuto dichiarare che non avevo parenti nell’Università a nessun livello, nemmeno uno che fa le pulizie, e se li avevo, dovevo dare i nominativi espliciti (anche di parenti acquisiti). Voglio dire, è importante che sia il candidato a dichiararlo, non che la commissione a scoprirlo.

Terzo: ci vogliono 3 lettere di referenza. Si tratta di raccomandazioni esplicite, dove il referee mette in gioco la propria reputazione. Per i referee meno esperti, ti danno anche il manuale di istruzioni, così sai cosa vogliono sapere.

Questo l’ho estratto da un modulo per corso di dottorato inglese:

Non è tutto molto di buon senso? Non mi sembra né strano né difficile né contorto, il mondo angloamericano.
Non so se prenderei di peso il modello: quel che è certo che i principi che stanno dietro, no perditempo e responsabilità del giudicante, quelli andrebbero presi davvero.

Sul serio.

E subito.

Altrimenti ce ne andiamo. Non è fuga dei cervelli, è conservazione della specie.

Kampanjo “esperanto ĉe abituro” en Greziljono

Informcele

Saluton,

Probable vi jam aŭdis pri la kampanjo “esperanto ĉe abituro”: esperanto-au-bac.fr, kaj eble vi mem jam subskribis la peticion. Estas taŭga momento por reprovi tion, kion ni ne sukcesis dum pli ol cent jaroj, sed tio ĉi eniru pli vastan kuntekston: Esperanto en la oficiala instruado. Difinante novajn lingvo-ekzamenojn konformajn al Komuna Eŭropa Referenckadro, nun oficiala en multaj landoj, interalie Francio, Hungaroj sukcesis doni al Esperanto-diplomoj saman valoron kiel alilingvaj diplomoj. En Francio, oni sendube plibonigu sian strategion surbaze de nova analizo de la kunteksto, tamen ne necesas atendi novajn leĝojn por enkonduki Esperanton en diversnivelajn lernejojn.

Ĉio ĉi konsistigos la temon de seminario, “Esperanto en oficiala instruado”, organizata en kastelo Greziljono inter la 17a kaj la 23a de julio 2011. Michel Dechy, Cyrille Hurstel, François Lo Jacomo kaj Guy Camy prezentos kvar aspektojn de tiu ĉi problemaro por veki konstruan diskuton. Kiel Kulturdomo de Esperanto, la kastelo Greziljono (gresillon.org) estas ideala loko por trakti punktojn tiel gravajn por la Esperanto-kulturo. Sed ĝi krome estas, tradicie, ejo por kursoj, ekzamenoj kaj aliaj aktivaĵoj: dum la sama periodo, vi povos sekvi konversaciajn aŭ gramatikajn kursojn de Jean-Luc Kristos kaj Thierry Saladin, trapasi du unuajn gradojn de FEI-ekzamenoj, lerni jogon, kanti kaj aŭskulti kantadon, ĉeesti prelegojn pri diversaj temoj… Ne hezitu viziti nian retejon: gresillon.org/somero por trovi pli da detaloj pri nia programo, aŭ rekte por aliĝi al la dezirata periodo: restas ankoraŭ kelkaj liberaj lokoj.

Ĝis tre baldaŭ en nia kastelo, kiu ĉijare festos sesdekjariĝan jubileon!

Amike,

François LO JACOMO

Libertà accademica

Mettevo a posto la libreria, e ho trovato questo passo di un saggio di Bertrand Russell, dal titolo Libertà accademica:

Prima di esaminare le attuali condizioni della libertà accademica, sarà utile stabilire cosa noi intendiamo con questo termine. Fondamento della libertà accademica è che gli insegnanti siano scelti per la loro competenza nelle materie che debbono insegnare, e che a giudicare di questa competenza siano gli altri competenti. Che uno sia un buon matematico, un buon fisico, o un buon chimico, può essere provato soltanto da altri matematici, o fisici, o chimici, i quali siano in grado di giudicare imparzialmente. Gli avversari della libertà accademica ritengono che, oltre alle capacità inerenti all’insegnamento, altre condizioni debbano essere prese in considerazione. Un insegnante, secondo loro, non dovrebbe avere mai espresso opinioni contrarie ai detentori del potere.

Russell scrive nel 1940, quando i totalitarismi sono all’apice del potere e hanno fatto sprofondare l’Europa nel momento più tenebroso della sua storia, la seconda guerra mondiale.

È nei momenti più difficili che bisogna riaffermare i fondamenti. Sulla didattica il nostro è altrettanto chiaro:

Una delle cose più importanti da sviluppare negli istituti scolastici di una nazione democratica è la facoltà critica degli allievi. La formazione di menti aperte, preparate ad ammettere come a rispettare, se è il caso, qualsiasi opinione, dovrebbe essere scopo e vanto della scuola. Se la censura mette il bavaglio all’insegnante, l’opera di censura non servirà più allo scopo e produrrà, anziché una nazione di uomini, un branco di fanatici e bigotti.

Mi piace ricordare queste parole oggi, primo giorno di voto del ballottaggio a Milano, la mia città.