Firefox OS a L’Aquila

2013-06-21 17.14.12
Venerdì scorso c’è stata una giornata dedicata a Firefox OS all’Università dell’Aquila. Ho partecipato alla presentazione del mattino, mentre il pomeriggio era dedicato a giocare a scrivere codice per il nuovo sistema operativo mobile dei tipi di Mozilla.

La prima presentazione, a cura di Carlo Frinolli, inquadra la novità di Firefox OS. Mozilla nasce nel 1998 dopo l’esperienza di Netscape, con il Mozilla Manifesto, che prosegue la linea filosofica di internet come risorsa accessibile e aperta, in tutti i sensi. Quando esce il browser Firefox (9 novembre 2004) il mercato era dominato da Microsoft Internet Explorer con oltre il 90%. Erano tempi bui per gli sviluppatori, perché Microsoft non seguiva gli standard (io me li ricordo bene). Oggi il browser più usato al mondo è Chrome, che comunque eredita molte delle caratteristiche di Firefox.

Ivano Malavolta con un gadget Firefox specialeMozilla è una fondazione apripista delle novità sul web, da sempre. Anche il client di posta Thunderbird è il primo a portare all’utente l’attenzione su sicurezza e privacy, in un mercato allora dominato da Outlook ed Eudora. L’obiettivo è far crescere una generazione non solo di sviluppatori ma anche di utenti avanzati, grafici, e altro, che aderiscono all’idea di internet libera. Nascono progetti come Web Maker, che permette il remix dei contenuti modificando giocando, o Thimble, che spiega a “Zia Maria” come nasce una pagina web, o Hackasaurus bellissimo per avvicinare i ragazzini alla programmazione — non lo conoscevo, e ne sono rimasto impressionato. La presentazione dei Mozilla Reps (la comunità di Mozilla) l’ha fatta un emozionatissimo ma professionale Luigi Tedone, studente come la maggior parte del pubblico. Consiglio a tutti gli studenti di informatica appassionati di web di considerare seriamente di programmare su Firefox OS, l’integrazione degli strumenti è eccezionale e comodissima per lo sviluppatore. Si tenga conto che nell’ultimo anno Mozilla ha assunto il 50% dei propri dipendenti, è in forte crescita, in totale controtendenza. A buon intenditor…

Perché Firefox OS è importante? Quasi tutto quello che facciamo su internet lo facciamo tramite un browser o su tecnologia molto simile — Twitter e Facebook sono in parte eccezioni. Con i sistemi operativi mobili, come Apple iOS o Android si è tornati indietro: bisogna scrivere su linguaggi nativi. Invece molte applicazioni popolari sono completamente basate sul web: Gmail, Google Drive, Spotify.

Con Firefox OS l’accesso all’hardware del dispositivo è su un Linux minimale (detto Gonk) (senza Java!!!) e le tecnologie di sviluppo sono standard: HTML + CSS + Javascript, su motore Gecko, su Gaia. In pratica sviluppi l’applicazione una volta sola, su tutte le piattaforme mobili e non solo (telefoni, tablet, tv digitale, desktop…) grazie a una singola extension di Firefox con il simulatore e tutto il resto. Firefox diventa un’ecosistema di sviluppo globale, presentato con dovizia di dettagli da Luca Greco. Date un’occhiata all’architettura completa.

Una cosa che mi ha colpito è che il sistema id pagamento di Firefox OS è indipendente dalla piattaforma, il che evita i casini dell’Android market (le app sono comunque certificate, un certo livello di qualità è garantito) senza arrivare dall’altra parte al controllo parossistico di Apple.

Credo che anche questa volta Mozilla sia il laboratorio del web del futuro: non credo che Firefox OS diverrà mai il leader del mercato, ma le sue idee dovranno essere prima o poi adottate da tutti.

Tanto vale saperle prima.

English-only Italian Universities? No, grazie.

English Only

From some days there is a political debate about language policy in Italian Universities, following the decision by a court to (re-)assert Italian as the national language of Italy and henceforth not to permit English-only courses, which would be a discrimination of Italian University students — mainly graduate and PhD — as Politecnico di Milano pretended — some other local Universities, such as Udine’s, are trying to do the adopt the same English-only policy. Nota bene: qui c’è il testo della sentenza del TAR sul sito ufficiale per chi volesse farsi un’idea. [Rough translation: link to the original Italian text with the motivations, for people interested.]

First, this is good news per se, that such a topic is finally debated in my country, as in the last 20 years Italy was mentioned in the international public opinion almost only for the marvellous adventures of Mr Bunga Bunga. At least, this is a topic worth a public debate!

To have a comparison, in the same days the French left-winged newspaper Libération opened its first page in English on order to welcome the new law that let some courses to be taught in English in French Universities, because foreign students in French are only 12 per cent.

Please note the difference: in France they are debate to have some University classes in English, while in Italy we debate to have English-only Universities.

In Italian University courses, Italian-English bilingualism is the de facto standard in many hard science curricula. This is easy to explain, as professors and researchers live in a situation of academic diglossia: we teach in Italian but publish in English. That’s why many presentations, slides, textbooks and so forth are available only in English, for a lot of disciplines. Nevertheless, there are a lot of disciplines which are deeply linked to the language used to give lectures. For example, do you think that learning the history of Europe in English or Italian would be the same? Of course not! And please, stop repeating the mantra: “this is valid only for the humanities”, because mathematics, logics, chemistry, natural sciences have a amount of literature also in French and German — at least.

Bur there is another argument against an English-only policy in Universities. it is completely unfair for Italians to force classes with only Italians in to be taught in English, as suggested by the Politecnico’s proposal. And rather stupid: in the global market of English-speaking Universities, an Italian English-only one would be marginal: if I were a foreign student who wants to go to an English-speaking University, I would definitely not choose Italy as my first choice, but the UK and Ireland (first choice), or a University in the North countries (second choice). Again, not surprisingly: in the North countries they speak English better than in the South countries — after all, English is a German language, such as German, Dutch, Swedish, and so on, so that they put less effort to learn English than people speaking a Romance language such as French, Spanish, Portuguese, or Italian.

That said, I’m not living in the Moon. I am perfectly aware that in the present-day European Union, only a good command of English let people, researchers, professors and students move abroad more or less easily. But this does not imply that we should use only English in Universities! Multilingualism is the European strength: for example, foreign students at the University of L’Aquila follow international degree courses in English and take classes of the Italian language at the same time. Joint degrees between Universities from different countries is a good way to have multilingual curricula — I’m not saying necessarily in English, take care! Some friends told me that Italy and France have international degrees where the thesis is written in French, with summaries in Italian, and discussed twice so to be valid in Italy and in France either. I think is a good strategy.

We should consider a bilingual curricula as a plus, comparing to English-only countries, which are often prisoned behind their monolingualism. A great book by Robert Phillipson told us about the risks of an English-only EU (suggested reading).

And, in case of any doubt, I think we have other options than English for the role of vehicular language in the European Union, as I already publicly said in 2005 in a journal paper. Please download and enjoy.

Inaugurazione Biblioteca Gaetano Aurelio Lanzarone

Trasmetto l’invito, per tutti quelli che hanno potuto conoscere di persona Elio:

Lunedì 13 maggio 2013, presso il Dipartimento di Scienze Teoriche e Applicate, sede di via Mazzini 5 a Varese, verrà inaugurata la “Biblioteca Gaetano Aurelio Lanzarone” frutto del dono della moglie Marian Farago al Dipartimento.

Io ci sarò.

Textbook in Intelligent Agents published as a lean textbook

AI2AtAQ2013 Today I start an experiment. I will publish my personal lecture notes in the advanced course in AI here at the University of L’Aquila, head by Full Professor Stefania Costantini. I do not know if it will work effectively, in any case I will delighted to receive any comments by the readers.

Please check the official web site of the lean textbook for more information.

Concept Reengineering Needed For Our Hyperconnected Era

IMG_3032 Recently the European Commission has launched the Online Initiative, officially presented the 8th of February in Brussels. I was there, and I want to share same ideas that swarmed around during the lively discussions we had.

It was Robert Madelin, the Director-General for Communications Networks, Content and Technology, who opened the session and revealed a marvellous chair during the whole day: he briefly added a note to the panelists, so to encourage us, the participants, to give our thoughts. The presentation of the Onlife Manifesto was done by Luciano Floridi, who took a little walk on the (wild?) side of the Manifesto, which is a result of a collective work of 13 scholars devoted to Computing & Philosohpy (download it here to have a glance).

IMG_3029The essential metaphor was the estuary, where a river meets the sea: there, we cannot be sure if water is salty or still trinkable: the real world is the sea, while the virtual world is the river. We live more and more in an interactive environment, where the traditional distinctions (e.g., real/virtual, human/machine/nature) do not stand anymore. Take for example 3D printing, or the global videogame market, which is a reification of the virtual. The new imperative is the centrality of interaction: for the Millennials, to be is to be interactable, and if you don’t interact with me, you don’t exist. In sum, the Manifesto is a constructive contribution to rethink us in a hyperconnected world, towards a new InfoEthics. For more information, see Floridi’s slides.

Then, Jean-Gabriel Ganascia gave us highlights on what does hyperconnectivity mean. The hyper- prefix is taken from physics (think about ‘hyperconductivity’), and it is very productive, because it is concerned with hyper-diffusibility (e.g., e-books), hyper-memorisability (e.g., clouding), or even hyper-history, recently introduced by Floridi himselfe, causing a political apoptosis. We are in a phase of transition, and henceforth forced to rethink concepts like policy, politics, democracy and so on.

This passage lead us the the problem of distributed responsibility: we have Multi-Agent Systems, drones, software, robots, and so no, which work in the same environment with humans (remember the estuary!) and pose new challenges. These were the topics addressed by Judith Simon, who argues that the state’s monopoly of power and legitimate violence are now inadequate, and we need knowledge practices for an epistemic dimension of reasoning that takes the ethic values from the start, not appended at the end. So we re-design governance through ICT tools. After her talk, Robert Madelin raised a key question: how can we avoid paternalism?

IMG_3035 Then, it was the turn of the anthropologist: Stefana Broadbent introduced the notion of gray ecology, which is a measure of the pollution brought by digital technologies. In other words, hwo can we reach “clean technologies”, for our mind? Put in other words: how a hyperconnected, relational self, can protect oneself? She gave us as an example the Millennials’ practice of Facebook time: me and my peers know that I will be online in Facebook only one hour, more precisely 12:00-13:00 (lunch time, more or less). Why? Because attention is a scarse resource, and we need to put in charge attention economy strategies.

Peter-Paul Verbeek addressed the blurring of the traditional dichotomy public/private: on one side, we have to reconfigure privacy; on the other side, we have to reconfigure citizenship. The question is: what kind of democracy we will have in an onlife world?

I hope that you enjoyed this post. Now, you can participate directly. First, take a look to the user manual of the Onlife Initiative; then, co-create the vision of Europe 2050, signing up in Futurium.

And don’t forget to follow the official Twitter hashtag #onlifeeu for last news.

Una lingua segreta inventata in una classe Montessori

Sono stato invitato nella quarta classe elementare di mia figlia dalla maestra per raccontare l’origine della scrittura, dai sumeri ai greci, e per inventare insieme una lingua segreta della classe, secondo il desiderio dei bambini. Naturalmente la seconda attività gli ha appassionati molto di più della prima… D’altro canto, è stato importante capire come gradualmente il significato originario dei segni grafici delle lettere si sia perso, e sono diventati solo una convenzione. L’aspetto convenzionale del linguaggio è un punto fondamentale per capire come funziona.

Invertire le parole...

Al momento di andare sul pratico, abbiamo scelto di partire dall’italiano e dall’inglese come le due lingue condivise da tutti, con apporti da altre lingue conosciute da alcuni bambini per motivi familiari — in particolare spagnolo, serbo e olandese.

Trasformare i verbi

I bambini erano molto focalizzati sull’aspetto di rappresentazione grafica, e il principio che ho imposto è stato: una lettera, un suono. Perciò la zeta di razzo e quella di zanzara avranno due lettere diverse. Abbiamo, con un grido di giubilo, eliminato la q e la acca perché inutili.

Portati gradualmente a riflettere sulla lingua come sistema di regole, sono emersi osservazioni interessanti: perché non si può fare una lingua con una regola per ogni parola? Abbiamo fatto due conti, vocabolario alla mano, e ci siamo resi conto insieme che è una soluzione teoricamente possibile ma impraticabile di fatto: così hanno capito un aspetto fondamentale del processo di formalizzazione e astrazione.

Invertire le parole, per esempio ‘casa’ diventa ‘asac’, è troppo poco segreta come strategia: così siamo finalmente passati alle parti del discorso. Qui sono venuti fuori discorsi interessanti: vogliamo il genere neutro come in inglese oppure no? Tutto sottoposto a voto di classe, democraticamente. Come otteniamo il plurale? Se abbiamo un problema eufonico come lo risolviamo? Se non riesco a distinguere “giornal-aio” da “giornal-ista”, come faccio a mantenere la distinzione semantica (e qui è venuto fuori il neologismo “edicolista”). I bambini hanno visto che una volta scelta una regola, la libertà nel scegliere le altre regole conseguenti viene ridotta, pena l’inserimento di eccezioni, e la conseguente maggior complicazione nell’usare la lingua segreta stessa.

immaginare i pronomi

Grande discussione è emersa dallo scegliere il nome della nuova lingua: non sorprendentemente, l’aspetto identitario della lingua segreta come marcatore della classe ha appassionato i nostri creatori di lingua.

Durante la pausa, alcuni di loro hanno chiesto se potevano esercitarsi nella lingua stessa.

L’esperienza è stata bellissima ed entusiasmante, per me come per loro.

Una nuova esperienza accademica ma non solo da domani

Mi trovo su un autostradale partito da Roma diretto a L’Aquila. Venerdì infatti ho firmato un contratto con l’Ateneo aquilano per un assegno di ricerca annuale dal titolo Emepolis, di cui vi parlerò più avanti.

Per ora mi godo il momento, un vero e proprio viaggio per la Penisola, dal profondo Nord di Varese e Como e dell’Università dell’Insubria, che tanto mi ha dato, al profondo Centro che è L’Aquila. Che ho visto questa settimana uscente, e che ha molto, molto bisogno di attenzione prima ancora che aiuto.

Perché noi da fuori non sappiamo, non capiamo.

Entro in una società complessa, che fa i conti in ogni momento con il 6 Aprile, come tabuizzano gli aquilani la parola ‘teremoto’, come gli americani per l’11 Settembre.

Insomma, una grande avventura non solo accademica mi si prospetta…