Romeo e Giulia-Giulietta

Ricevo e volentieri pubblico (Giulia-Giulietta è una mia carissima amica):

Gentili Spettatori,

ecco a voi l’eccellentissima e lamentevole tragedia di William Shakesperare, una delle storie d’amore più popolari, più famose e rappresentate. Un capolavoro infatti che da più di 400 anni da’ emozioni uniche sui palchi di tutto il mondo raccontando lo struggente amore fatale di due giovani della bella Verona e l’odio inveterato tra le loro grandi famiglie; fatale nel suo inizio e nella sua conclusione su questa terra, la morte prematura dei due protagonisti. Non tutto è bene, non tutto è male: la fine tragica dei due ragazzi porterà nei rispettivi genitori e nella città intera un dolore talmente intenso da far scendere la pace sociale tra le due famiglie che per quanto grigia porrà fine all’escalation di violenza che avrebbe portato alla guerra civile.

La parabola dell’amore dei due giovani si ferma così nel punto più alto ed esce dal tempo diventando simbolo universale dell’amore di tutti i ragazzi che anche proprio adesso mentre leggete stanno vivendo dei “colpi di fulmine”.

La riduzione che proponiamo tiene intatte la storia e le dinamiche originali, trasponendo l’ambientazione dal contesto antico ad uno contemporaneo, più metropolitano e “pop”. Cambiando la carrozzeria, si è comunque cercato di mantenere inalterato il motore dell’opera, la contrapposizione tra l’amore innocente e l’odio violento tra le due famiglie, dualità di attrazione e repulsione che si riverbera in tutte le scene fino al tragico epilogo sancito dalle parole del principe ai due capi famiglia: “Dio ha ucciso con l’amore i vostri figli”.

Prima di questo si passa però attraverso una storia dove si raggiungono le più alte intensità delle passioni umane ma non si manca anche di ridere e sorridere.

Una ulteriore sfida di questo testo è che, essendo i protagonisti adolescenti, i rispettivi attori che li interpretano devono avere un’età giovane ma anche la sufficiente esperienza per riuscire a salire e scendere negli abissi e sulle vette di quest’opera ed uscirne ogni sera fumanti ma protetti dalla consapevolezza che si tratta di un gioco. Un gioco teatrale serio e divertente che si sviluppa in un otto volante di amori, emozioni, ripudi, passioni, risse, duelli, punizioni, feste, amicizie, vendette, veleni, segreti, confessioni. Di solito le persone vivono alcune di queste situazioni nell’arco di una vita, o forse mai, mentre i protagonisti della storia le vivono tutte nell’arco di due giorni, e i nostri attori le incarneranno al meglio delle loro possibilità in neanche due ore..
Se, come dice il prologo, ci ascolterete con orecchio paziente, ci sforzeremo di adempiere alla nostre mancanze con le nostre fatiche.

“Ciò che amor può fare, amor osa tentarlo”

Atto II, Scena ii

Sabato 21 Novembre, Ore 20.45

Teatro San Giovanni Bosco Via Bergamo 12 – Busto Arsizio

  • Informazione e Prenotazioni: 335 5781480 347 6437041
  • Posto Unico 10€ (Ridotto 8€)
  • Apertura sala ore 20.30

Fra due grandi famiglie la lotta si scatena
Nella bella Verona dove è la nostra scena
Dal loro antico odio nascon nuovi tumulti
E sangue civile scorre tra incivili insulti.
Figli di quei nemici senz’altra via d’uscita
Due amanti segnati dalle stelle si tolgono la vita
La loro amara sorte sì porta nella tomba
Dei due padri nemici la lotta furibonda.
La terribile vicenda del loro amore mortale
E dei loro genitori la rabbia letale
che la fine dei figli estinguerà nel dolore
racconteremo sulla scena in neanche due ore.
Se voi vorrete assistere con orecchio paziente,
il nostro zelo proverà a rattoppare ciò che qui è insufficiente.

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s