Disavventura ferroviaria

Oggi stavo facendo la coda in stazione Milano Centrale per acquistare un biglietto con le macchine automatiche e una signora inglese attempata a fianco a me ha subito una disavventura.

Dovendo recarsi a Roma, ha inserito 90 euro con un pezzo ds 50 e due da 20, cpme da istruzioni. Accortasi che le mancavano 5 euro, ha annullato l’operazione e la macchina non le ha restituito nulla, neanche una ricevuta — bello OS/2 di IBM, eh?

Morale della favola: io e un altro ragazzo che parlava inglese come me abbiamo detto alla signora di non far avvicinare nessuno all’apparecchio, abbiamo preso il codice identificativo (F23 nel nostro caso) abbiamo saltato la fila in biglietteria e abbiamo richiesto l’aiuto di un tecnico. Non so come sia andata perché io dovevo prendere il mio, di treno, ma la bigliettaia non si è scomposta.

L’importante è non finire all’ufficio reclami, che sta al binario 21, vale a dire al punto più distante in Centrale dalla biglietteria… Insomma, niente panico, essere slmeno in due, insistere e soerabilmente la macchiba verrà aperta, i solsi restituiti e OS/2 riavviato.

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s